Cookies

I cookies, o chocolate chip cookies, sono nati, come spesso accade, per sbaglio. Siamo intorno agli anni Trenta del secolo scorso e Ruth Wakefield, la padrona dell'albergo Toll House Inn ha terminato il cacao in polvere che solitamente utilizza per preparare i biscotti al burro da offrire agli ospiti. Così decide di tritare una barretta di cioccolato e aggiungerla all'impasto, immaginando che si sarebbe sciolta. Cosa che non avviene. Nasce così il biscotto più famoso d'America. Buona indigestione.

Le ricette di Puls

Ingredienti per circa 20 biscotti:

300 g farina
250 g burro
5 g bicarbonato
2 uova
100 g zucchero di canna
100 g zucchero
200 g gocce di cioccolato fondente
1 cucchiaino estratto di vaniglia
1 pizzico sale fino

Preparazione:

Cookies
Cookies
Cookies

iniziate mescolando il burro morbido a pezzetti con lo zucchero semolato (1) e lo zucchero di canna (2): lavorate il tutto con un cucchiaio di legno (3),

Cookies
Cookies
Cookies

mescolate bene ed energicamente fino ad ottenere una crema liscia (4). Per facilitarvi potreste mettere sul piano di lavoro uno strofinaccio bagnato e appoggiare sopra la ciotola in modo che non vi sfugga durante i movimenti. Aggiungete le due uova leggermente sbattute (5), poco alla volta e mescolate per incorporare prima di aggiungere il resto delle uova (6),

Cookies
Cookies
Cookies

quindi unite l'estratto di vaniglia (7). Una volta inglobati tutti gli ingredienti e ottenuto un composto omogeneo (8), setacciate la farina in un'altra ciotola, unite i 5 g di bicarbonato e un pizzico di sale fino (a vostro piacimento per dare la tipica nota salata ai biscotti) (9).

Cookies
Cookies
Cookies

Infine unite le gocce di cioccolato (10) e amalgamatele in maniera uniforme. Prendete uno spallinatore per il gelato (oppure un cucchiaio) e realizzate man a mano le palline da circa 50 g l'una (11) da mettere su una leccarda o una teglia foderata con carta forno (12).

Cookies
Cookies
Cookies

Noi abbiamo utilizzato una teglia in cui abbiamo messo a cuocere 8 palline alla volta ben distanziate tra loro (13), in modo che allargandosi in cottura non si fondano le une con le altre. Con queste dosi otterrete circa 20 biscotti.Prima di cuocere i cookies, dovrete metterli per circa 1 ora a rassodare in frigorifero in modo che tengano ancora meglio la forma in cottura. Cuocete i vostri cookies in forno statico preriscaldato a 160° per circa 35/40 minuti nel ripiano di mezzo del forno. Saranno cotti quando saranno croccantini fuori e abbastanza morbidi dentro (14). Fateli raffreddare completamente su una gratella (15) e i vostri cookies sono pronti per allietare l'ora della merenda!
Potete conservare i cookies in una scatola di latta, per 3-4 giorni al massimo. Cookies Policy

o li accetti

Complimenti, hai accettato i nostri cookies e quindi sei pronto a pulsare con noi.

Constellation of art, culture and history in the Dolomites

SMACH.

SMACH è una mostra a cielo aperto che si avvale del binomio arte e natura, in cui quest’ultima funge da luogo per le azioni artistiche site specific collocate in località d’interesse storico-culturale nei comuni di San Martino in Badia e Marebbe.

La biennale

SMACH è un evento biennale ideato da Michael Moling, coadiuvato da Gustav Willeit e Katharina Moling che sono anche gli organizzatori e promotori del progetto. Gli artisti selezionati sono chiamati a realizzare le loro opere, durante un periodo di residenza, nelle location disseminate in punti precisi delle valli dolomitiche. Una giuria internazionale sceglie i dieci vincitori ai quali è destinato un riconoscimento in denaro e l’esposizione, che si trova tra i 1.100 e 2.800 metri d’altitudine, è visitabile dai primi di luglio fino agli inizi di settembre. Nell’ultima edizione i progetti pervenuti da ogni parte del mondo sono stati 502: un numero che è cresciuto nel tempo in modo esponenziale e che conferma un interesse sempre maggiore nei confronti di un evento unico nel territorio ladino.

La giuria 2019 composta da Michael Petry - director of MOCA London, Gianluca D’Incà Levis - Initiator and Art Director of Dolomiti Contemporanee, Julia Bornefeld - german artist, Gehard Demetz - ladin artist, Guus van den Hout - visiting director of MET New York, Gustav Willeit - Adviser and Member of the SMACH committee, Michael Moling - Advicer and President of SMACH Katy Moling - Adviser and Vice-President of SMACH.

La Val dl’Ert

Di recente è stata creata la Val dl’Ert, dal ladino Valle dell’Arte, che ospita la mostra permanente delle sculture acquisite durante le ultime edizioni del concorso d’arte SMACH. Si tratta di un’ulteriore evoluzione di un progetto in continuo divenire.

Site specific

Il nostro studio non solo ha individuato e creato tutti i materiali di comunicazione - logo, sito, materiali divulgativi, annunci, segnaletica, allestimenti, campagna stampa e social media – ma si occupa anche della gestione finanziaria, dell’ospitalità degli artisti, della logistica dei materiali e delle opere. Crediamo fermamente in questo progetto e destiniamo energia, passione, entusiasmo a un evento che vorremmo sempre più coinvolgente e sempre più in grado di valorizzare il territorio dolomitico in modo alternativo ai soliti cliché legati al turismo e allo sfruttamento intensivo della nostra valle.

Eventi artistici, spazi espositivi, allestimenti: diamo vita al tuo nuovo progetto.

Pulsa con noi